Ubicazione: Valli del Pasubio (VI)
Progettazione: 2000 Realizzazione: 2001

La rigida imposizione dei regolamenti edilizi del comune montano, imponeva la riproposizione di tipi edilizi da estrapolare addirittura da un prontuario, definito come “progetto guida”. L'idea allora fu di riproporre il tipo edilizio definito “bicellulare con arco”, mantenendo le esatte proporzioni forometriche della facciata tipica. Quest'ultima però viene isolata dall'edificio retrostante, diventandone una sorta di “maschera”. La “facciata guida” diventa superficie forata, “asettica”, spogliata di soglie e serramenti: dietro ad essa, attraverso il portico a tripla altezza, si scorge la vera natura di questa casa: un volume piano di legno, acciaio e vetro incastonato nel suo involucro tipico. Dall'interno, attraverso le generose vetrate che racchiudono la sala soggiorno a doppia altezza, la facciata si rivela interamente nel suo “negativo”, filtrando luce e paesaggio bucolico. Dalla terrazza coperta, che è anche tetto del cubo di legno, si può godere del paesaggio montano tra i più suggestivi della vallata.